MondoCina.it

Venerdi', 20 Ottobre 2017

Diga delle Tre Gole

Anche se non siete degli appassionati di ingegneria, rimarrete certamente a bocca aperta quando vi troverete sotto alla Diga delle Tre Gole. Situata prima della città di Yichang, nella provincia dello Hubei, quella delle Tre Gole è la più grande diga del mondo, con i suoi 2.235 metri di lunghezza e i suoi 185 metri d’altezza.

La vista di questa enorme costruzione dà quella sensazione di onnipotenza umana che in Cina, fino a qualche anno fa, solo la Grande muraglia sapeva trasmettere. La diga, che è stata costruita nell’arco di vent’anni è che è costata 25 miliardi di dollari, produce circa 100 terawattora di energia all’anno e regola le acque di un bacino di 600 chilometri di lunghezza. Oltre a produrre energia, dunque, la diga ha anche la funzione di regolare i flussi dello Yangtze, in una regione storicamente afflitta dalle alluvioni. Alla diga le imbarcazioni più grandi sono incanalate in un sistema di chiuse, mentre quelle più piccole possono utilizzare un comodo e innovativo ascensore.

Ma quello della Diga delle Tre Gole è anche uno dei progetti più controversi della Cina moderna. Prima che entrasse in funzione sono state forzatamente trasferite 1.300.000 persone che abitavano in aree destinate a finire sotto le acque dello Yangtze. Sono invece stati smontati alcuni monumenti che si trovavano sulla riva del fiume, per essere ricostruiti più in alto. C’è poi un’importante problema ambientale che riguarda la diga. Lo Yangtze è abitato da una serie di cetacei, come la focena senza pinne, che svezzano i piccoli nei laghi collegati al fiume, ma la diga impedisce l’accesso ad alcuni di questi bacini e sta inevitabilmente alterando l’habitat in cui vivono. Il delfino baiji sembra che si sia già estinto, ma sono a rischio anche gli alligatori dello Yangtze e gli storioni cinesi.

Questo sito utilizza cookie suoi e di terze parti per rendere la navigazione più facile e per inviare pubblicità in linea con le preferenze degli utenti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo dei cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su uno qualsiasi dei suoi elementi o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’utilizzo dei cookie.