MondoCina.it

Lunedi', 11 Dicembre 2017

Pudong

I cinesi dicono che è la “testa del dragone”, la locomotiva che ha trainato la Cina verso il boom economico. Situata di fronte al Bund, sull’altra sponda del fiume Huangpu, l’area finanziaria di Pudong vanta una skyline suggestiva, composta da grattacieli e da edifici dalle forme audaci. Tra questi vi è l’Oriental Pearl Tower che, con i suoi 468 metri, sembra un’enorme navicella spaziale.

Davanti a questo scenario suggestivo e futuristico è difficile credere che Pudong sia stata un’area agricola fino alla fine degli Anni ’80, quando i dirigenti del Partito Comunista hanno rispolverato un vecchio progetto per trasformarla nel distretto finanziario della nuova Cina. La storia di Pudong è quella del successo economico cinese e dei grandi mutamenti intercorsi nel gigante asiatico, ma il rinnovamento è soltanto all‘inizio. L’area finanziaria di Pudong si espande di giorno in giorno, grazie alle gru che lavorano incessantemente e agli operai, quasi sempre provenienti dalla campagna, che modellano nuovi grattacieli e nuovi appartamenti. A fare la fortuna di Pudong è stato uno speciale statuto amministrativo che ha attirato ingenti investimenti dall‘estero: un imprenditore straniero che apre una filiale nel distretto paga al governo cinese circa il 15% di tasse, contro una media che oscilla intorno al 30% nel resto della città. Grazie a questi incentivi, nel decennio 1991-2000 hanno aperto un ufficio sull’isola quasi 6.000 aziende straniere, tra cui grandi multinazionali come General Motors e Intel. I due grattacieli più alti di Pudong sono il Jinmao Building, che raggiunge i 420 metri, e lo Shanghai World Financial Center, che con i suoi 492 metri è il terzo edificio più alto del mondo. Lo Shanghai World Financial Center è facilmente riconoscibile, poiché è caratterizzato da una grossa apertura nella sua parte più alta. Nel grattacielo vi sono tre piattaforme panoramiche, la più alta delle quali è posizionata al centesimo piano, a 474 metri d’altezza. Vale la pena di salire anche sull’Oriental Pearl Tower, la torre della televisione, che è ormai diventata l’elemento più famoso della skyline di Shanghai. Questa struttura, davvero originale, è alta “soltanto” 468 metri, gli ultimi 118 dei quali sono occupati dall’antenna televisiva. All’interno dell’Oriental Pearl Tower troverete un ristorante, situato a 267 metri d’altezza, e lo Shanghai History Museum, che occupa i primi piani della struttura. La visita a questo museo è consigliata soprattutto a coloro che sono interessati al periodo coloniale di Shanghai. Nelle sue sale si può avere un’idea di quel periodo attraverso plastici, ricostruzioni e cimeli. Una delle sale più interessanti è quella che raccoglie automezzi d’epoca, tra cui automobili, risciò e tram.

Scopri cosa devi fare per ottenere il visto cinese.

Vai alla pagina dei visti

Le più complete guide in italiano sui trasporti cinesi.

Vai alle guide sui trasporti

Questo sito utilizza cookie suoi e di terze parti per rendere la navigazione più facile e per inviare pubblicità in linea con le preferenze degli utenti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo dei cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su uno qualsiasi dei suoi elementi o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’utilizzo dei cookie.