MondoCina.it

Lunedi', 11 Dicembre 2017

Mausoleo di Mao Zedong

Il corpo di Mao Zedong, il padre indiscusso della Cina Popolare, riposa nel mausoleo che si trova al centro di piazza Tiananmen. I lavori di costruzione iniziarono nel novembre del 1976, due mesi dopo la morte del Grande Timoniere, e si conclusero nel maggio del 1977.

Non tutti sanno, tuttavia, che Mao voleva essere cremato e che i dirigenti del Partito Comunista contravvennero alle sue ultime volontà, per motivi essenzialmente propagandistici, ordinando che la salma fosse imbalsamata con iniezioni di formaldeide. Viene da chiedersi il significato di un mausoleo che inneggia al padre del comunismo cinese ora che la Cina è votata al consumismo e alla modernità, ma in ogni caso è un colpo d’occhio la fila che ogni giorno si crea davanti all’ingresso, situato sul lato settentrionale.

I tanti visitatori dimostrano che nel paese vi sono ancora degli estimatori di Mao Zedong, anche se il loro numero è certamente diminuito rispetto a qualche anno fa. La salma del Grande Timoniere è sottoposta a saltuari interventi di conservazione, durante i quali non è possibile accedere al mausoleo. L’edificio è composto da tre sale, all’interno delle quali non si possono scattare foto. Nella sala d’ingresso c’è una grande statua di marmo bianco che ritrae Mao su una poltrona, con le gambe accavallate e lo sguardo sereno. Alcuni visitatori porgono mazzi di fiori ai piedi di essa e si inchinano tre volte in segno di devozione, come fanno nei templi buddisti e taoisti.

Il corpo di Mao si trova nella seconda sala, poggiato su una lastra di granito nero. La salma giace avvolta in una bandiera cinese, mentre una luce molto intensa la mette in risalto nella stanza buia. Per questioni di sicurezza non è possibile fermarsi ad osservarla e ai visitatori è concesso solo un rapido sguardo mentre attraversano i corridoi che si trovano sui lati.

Le contraddizioni tra la Cina comunista e quella del boom economico diventano stridenti nella terza ed ultima sala, dove è stato allestito un inusuale negozio di souvenir: sugli scaffali, tra una folla di cinesi che contrattano rumorosamente, vi sono esposti busti di Mao Zedong, accendini con la sua effige e copie fresche di stampa del Libretto Rosso. Sarebbe curioso sapere cosa penserebbe il Grande Timoniere, così avverso ad ogni forma di consumismo, se potesse vedere quel che accade a pochi metri dalla sua salma. All’esterno del mausoleo sono interessanti i due gruppi statuari, in stile realista, che ritraggono operai, contadini e soldati chiamati alla rivoluzione popolare.

Scopri cosa devi fare per ottenere il visto cinese.

Vai alla pagina dei visti

Le più complete guide in italiano sui trasporti cinesi.

Vai alle guide sui trasporti

Questo sito utilizza cookie suoi e di terze parti per rendere la navigazione più facile e per inviare pubblicità in linea con le preferenze degli utenti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo dei cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su uno qualsiasi dei suoi elementi o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’utilizzo dei cookie.