MondoCina.it

Venerdi', 20 Ottobre 2017

Tempio di Ling Yin

La leggenda narra che un monaco proveniente dall’India, Huili, si soffermò in questo punto ad ammirare la bellezza della natura. Il luogo era così tranquillo che Huili pensò che fosse la dimora degli dei immortali. Decise allora di costruire un tempio per venerarli ed è così che sarebbe nato il Tempio di Ling Yin.

Situato un paio di chilometri ad ovest del lago di Hangzhou, il Tempio di Ling Yin è stato costruito nel V secolo d.C. ed ha subito una serie di ampliamenti nei secoli successivi. Nel X secolo è quindi diventato uno dei templi buddisti più importanti di tutta la Cina ed è arrivato a contare decine di edifici e di padiglioni, con diverse centinaia di stanze in cui vivevano circa 3.000 monaci.

Ma la storia è imprevedibile e nel corso dei secoli il Tempio di Ling Yin ha assunto dimensioni più modeste, a causa di una serie di guerre e di distruzioni. Il tempio, in ogni caso, è riuscito a passare indenne il periodo della Rivoluzione Culturale ed è stato sottoposto ad un ampio restauro a partire dal 1974. All’interno del tempio vi sono statue ed iscrizioni di grande pregio, tra cui quella lasciata qui, nel XVII secolo, dall’imperatore Kangxi della dinastia dei Qing.

I visitatori sono accolti nella prima sala del tempio da una statua del Buddha che ride. Superato il cortile, si arriva quindi alla Sala del Grande Eroe, dove vi è una statua di Sakyamuni che sfiora i 25 metri. Si prosegue dunque verso la parte posteriore del complesso, dove vi sono una serie di padiglioni di epoche differenti, oltre ad un ristorante che serve esclusivamente piatti vegetariani. Ma il Tempio di Ling Yin non è soltanto un pregevole esempio di architettura cinese. Il complesso, infatti, è anche un centro di studio di scritture buddiste tra i più importanti di tutta la Cina.

Scopri cosa devi fare per ottenere il visto cinese.

Vai alla pagina dei visti

Le più complete guide in italiano sui trasporti cinesi.

Vai alle guide sui trasporti

Questo sito utilizza cookie suoi e di terze parti per rendere la navigazione più facile e per inviare pubblicità in linea con le preferenze degli utenti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo dei cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su uno qualsiasi dei suoi elementi o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’utilizzo dei cookie.